Autunno 2012: perché la chiesa deve sostenere l’Aliya